Passa ai contenuti principali

Miracoloso Golden Milk ॐ

Il gustosissimo Latte d'oro è una bevanda della tradizione Yogica e Ayurveda, a base di latte e curcuma.
Viene consigliato per sciogliere le articolazioni verso una più agile pratica dello Yoga, ma anche per alleviare le infiammazioni e i dolori del sistema osteoarticolare e muscolare, sia come depurativo e antinfiammatorio generale per tutto l'organismo.
Come ho anticipato, la base della ricetta è la polvere di curcuma e quindi possiamo beneficiare di tutte le grandi proprietà della curcumina, assumendola in maniera appropriata attivando la sua delicata biodisponibilità, attraverso l'utilizzo di olio, calore e pepe.
È provato che la curcumina risvegli il sistema immunitario, è un antidolorifico, antidepressivo, abbassa il livello di colesterolo, può prevenire alcune forme di diabete, migliorare la memoria e le attività cerebrali e coadiuvare la chemioterapia.
Si afferma anche che questa possa rallentare alcuni tipi di tumore, ma non essendo un medico rimando ad un link della Fondazione Veronesi.
Per una conoscenza più approfondita su proprietà e alcune possibili controindicazioni sull'uso della curcuma, rimando a questo articolo medico, sicuramente più attendibile di me.
Generalmente gli yogi consigliano la consumazione di sera, ma io la utilizzo spesso anche la mattina a digiuno affinché il suo potere non si disperda tra gli altri alimenti e il suo effetto possa essere più efficace.
Preparazione della pasta di curcuma
120 ml di acqua
60 gr di polvere di curcuma
1/2 cucchiaino di pepe
Mescolare gli ingredienti sul fuoco, fino a che la curcuma non si sia sciolta raggiungendo la consistenza di una crema.
Conservare in un barattolo a chiusura ermetica.
Questa pasta può essere conservata in frigo per 40 giorni e utilizzata all'occorrenza anche nelle altre pietanze, è importante però che non venga cotta per più di 10 minuti, poiché si perderebbero le sue proprietà.
Preparazione del Golden Milk
1 tazza di latte animale o vegetale a preferenza personale
1 cucchiaino di pasta di curcuma
1 cucchiaino di olio di mandorle (alimentare) o di semi di lino o altro olio vegetale secondo le esigenze personali e benefici necessari
1 cucchiaino di miele (o zucchero integrale per i vegani)
Cannella a piacere
Scaldare il latte, sciogliere un cucchiaino di pasta di curcuma, aggiungere l'olio scelto, il miele, una spolverata di pepe, cannella e frullare tutto per ottenere una piacevole schiuma.
Vi accorgerete dei benefici già dopo la prima settimana di piacevoli coccole d'oro per i vostri io-corpo :)
Fatemi sapere!
www.yogadanza.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Surya Mudra: sovrappeso, mal di testa, tiroide

Surya Mudra è il Mudra del Sole, utile per riattivare l'energia maschile solare e l'elemento fuoco individuali. Decongestiona l'eccesso di energia accumulato sul piano mentale, distribuendola nell'organismo, sedando il mal di testa, influenzando l'eccesso di colesterolo e grassi, compresi problemi di peso, riattivando il metabolismo e equilibrando disfunzionalità della tiroide.
Si esegue seduti in una posizione comoda, con la schiena abbastanza eretta da lasciare fluire il respiro, ma non troppo affinché non venga bloccato. Posizionare i polpastrelli dei pollici sulla seconda falange degli anulari e in questa posizione osservate scorrere il respiro per un minimo di 15 minuti.
Buona pratica Se volete potete scrivermi per informazioni o feedback
ॐ Ayubowan
Lucilla

La verità è terreno senza sentieri

«La verità è un territorio senza sentieri. Non ascoltate i guru, compreso colui che parla in questo momento» "La verità è un territorio senza sentieri tracciati.
L'uomo non può raggiungerla per tramite di nessuna organizzazione, nessuna dottrina religiosa, nessun dogma, nessun sacerdote, o nessun rito e nemmeno tramite qualche conoscenza o qualche tecnica filosofica.
Egli deve trovarla tramite lo specchio delle relazioni (con gli altri uomini), tramite la comprensione di quanto è contenuto nella sua mente, tramite la osservazione e non attraverso la analisi intellettuale o la introspezione analitica... " Jiddu Krishnamurti