Passa ai contenuti principali

Appunti dalle Meditazioni del Mercoledì alle 19:00: Meditazione alle origini


Mercoledì 29 Meditazione alle origini:

la Meditazione come purificazione e preghiera 

Il concetto di Meditazione appare per la prima volta nei Veda e nelle Upanisad attraverso il termine sanscrito Dhyanam, contemplazione.

Nasce come mistica del nome divino e interiorizzazione del rito e culto di Agni Hotra, il sacrificio del fuoco, rituale di purificazione.

Dhyana è associata quindi a Tapas, cioè la disciplina, l’austerità, quella qualità che secondo lo yoga permette al fuoco interno di bruciare le impurità fisiche e mentali e resterà un concetto fondamentale nelle pratiche indiane a matrice vedica

Dhyana in origine è il processo in cui lo Yogi, il saggio, il rishi realizzano e ambiscono al ricongiungimento del proprio Atman (anima individuale), con il Purusha (anima universale), Atman che durante l'esistenza è vincolato a Prakriti, la Terra, che rappresenta la materialità. 

Dopo la letteratura vedica e upanisadica (dal 2500 a.C. al 500 a.C. ca), seguì la grande rivoluzione apportata dal Buddha 500-600 a.C., che spoglierà la Meditazione dal carattere liturgico, causando una prima grande divergenza di approccio.

La meditazione di matrice vedica proseguirà ad essere rappresentata nella sua letteratura ricordiamo le principali, ovvero la Bhagavad Gita (II sec a.C.) della quale il sesto capitolo è dedicato interamente allo Yoga e culminerà negli yoga Sutra di Patanjali (II sec d.C.)

A mercoledì 

🙏📿


Vuoi paretecipare al Corso di Meditazione settimanale gratuito su Zoom, tutti i mercoledì alle 19:00 comodamente da casa tua?

Per iscriverti ti basterà riempire il nostro form a questo indirizzo:

https://forms.gle/s17zWSFcRnphC72p9

E riceverai tutte le informazioni necessarie per l'accesso

Ti aspetto!

Lucilla

Commenti

Post popolari in questo blog

Surya Mudra: sovrappeso, mal di testa, tiroide

Surya Mudra è il Mudra del Sole, utile per riattivare l'energia maschile solare e l'elemento fuoco individuali. Decongestiona l'eccesso di energia accumulato sul piano mentale, distribuendola nell'organismo, sedando il mal di testa, influenzando l'eccesso di colesterolo e grassi, compresi problemi di peso, riattivando il metabolismo e equilibrando disfunzionalità della tiroide.
Si esegue seduti in una posizione comoda, con la schiena abbastanza eretta da lasciare fluire il respiro, ma non troppo affinché non venga bloccato. Posizionare i polpastrelli dei pollici sulla seconda falange degli anulari e in questa posizione osservate scorrere il respiro per un minimo di 15 minuti.
Buona pratica Se volete potete scrivermi per informazioni o feedback
ॐ Ayubowan
Lucilla

Miracoloso Golden Milk ॐ

Il gustosissimo Latte d'oro è una bevanda della tradizione Yogica e Ayurveda, a base di latte e curcuma.
Viene consigliato per sciogliere le articolazioni verso una più agile pratica dello Yoga, ma anche per alleviare le infiammazioni e i dolori del sistema osteoarticolare e muscolare, sia come depurativo e antinfiammatorio generale per tutto l'organismo.
Come ho anticipato, la base della ricetta è la polvere di curcuma e quindi possiamo beneficiare di tutte le grandi proprietà della curcumina, assumendola in maniera appropriata attivando la sua delicata biodisponibilità, attraverso l'utilizzo di olio, calore e pepe.
È provato che la curcumina risvegli il sistema immunitario, è un antidolorifico, antidepressivo, abbassa il livello di colesterolo, può prevenire alcune forme di diabete, migliorare la memoria e le attività cerebrali e coadiuvare la chemioterapia.
Si afferma anche che questa possa rallentare alcuni tipi di tumore, ma non essendo un medico rimando ad un lin…

La verità è terreno senza sentieri

«La verità è un territorio senza sentieri. Non ascoltate i guru, compreso colui che parla in questo momento» "La verità è un territorio senza sentieri tracciati.
L'uomo non può raggiungerla per tramite di nessuna organizzazione, nessuna dottrina religiosa, nessun dogma, nessun sacerdote, o nessun rito e nemmeno tramite qualche conoscenza o qualche tecnica filosofica.
Egli deve trovarla tramite lo specchio delle relazioni (con gli altri uomini), tramite la comprensione di quanto è contenuto nella sua mente, tramite la osservazione e non attraverso la analisi intellettuale o la introspezione analitica... " Jiddu Krishnamurti